Puglia e Gallipoli

Il Rivellino ed il Ponte di Gallipoli

In tutta l’epoca antica la più efficace difesa degli agglomerati urbani contro gli attacchi dei nemici consisteva nell’erigere una possente cinta muraria di elevata altezza, tale da impedire che le armate avversarie potessero penetrare nella città. Di tali esempi di difesa nel territorio pugliese restano testimonianze molto remote, come i ritrovamenti di tratti di mura difensive risalenti all’Età del Bronzo.

Anche la posizione all’interno del territorio è particolarmente importante per ragioni difensive, ed è per questo motivo che le città si ergono in cima a rupi e sui fianchi scoscesi delle colline, proprio per rendere difficile la vita agli eventuali assalitori.

La fontana greco romana, a pochi passi dal ponte

Sulla costa le modalità difensive si esplicano nello stesso modo, e le antiche città presentavano sul fronte del mare possenti cinte murarie che permettevano a chi fosse all’interno di coplire i nemici ed impedir loro l’approdo.

Il centro storico di Gallipoli è un esempio evidente di città costiera fortificata. Innanzitutto perchè è costruito su un isola separata dalla terraferma, a cui è collegata attraverso il ponte di Gallipoli. Anticamente era presente una striscia di terra che collegava la città alla terraferma, ma a causa dei ripetuti attacchi il lembo di terra verrà distrutto, ed al suo posto verrà eretto un ponte in muratura il cui ultimo tratto era costituito da un ponte levatoio in legno, che una volta chiuso rendeva la città inespugnabile.

Nel corso del tempo, cambiate le tecniche belliche il ponte levatoio in legno verrà sostituito da un tratto in muratura, a cui si affiancheranno la linea ferroviaria ed un altro tratto stradale parallelo per collegare l’area portuale alla terraferma in maniera più rapida ed efficace.

Sempre per ragioni difensive nel corso dei cinquecento all’antica struttura del castello di Gallipoli edificato a ridosso dell’ingresso in città per controllarne l’accesso, verrà affiancato un bastione a se stante, di pianta circolare atto a proteggere in maniera più efficace la città dagli attacchi provenienti dal mare.

Tale bastione oggi denominato Rivellino era leggermente più basso delle torri del Castello Angioino, e dotato in cima di diversi strumenti di difesa, catapulte e cannoni. L’edificio era accessibile attraverso un ponte levatoio che è presente ancora oggi. Attualmente il Rivellino viene utilizzato come area culturale per gli eventi estivi.

La fontana greco romana

Sono proprio tante le attrattive di Gallipoli, come le splendide chiese barocche che si ergono nel centro storico, tra le quali spiccano per bellezza la Cattedrale dedicata a Sant’Agata e le belle chiese come la Chiesa della Madonna della Purità e la Chiesa degli Angeli, testimonianze dell’eleganza e dell’armonia del cosiddetto barocco pugliese.

Oppure il maestoso Castello Angioino che sorge di fronte all’unico accesso al borgo vecchio, il ponte di Gallipoli che collega il borgo alla terraferma.

Fontana greco romana

Appena al di là del ponte che una volta era di eccezionale importanza per la difesa della cittadina dagli attacchi e dalle scorrerie di saraceni e pirati si trova un altro monumento di particolare bellezza e che è visitato da tutti quelli che si recano ad ammirare Gallipoli, la Fontana Greco Romana.

In origine si pensava che tale monumento fosse di origine antichissima, che fosse addirittura opera di misteriosi artisti ed addirittura le più antica d’Italia, risalente al III secolo Avanti Cristo.

In seguito, grazie ad una serie di studi approfonditi si è riusciti ad identificare nel rinascimento l’epoca in cui la fontana fu realizzata.

Anticamente la fontana era edificata in un altro luogo di Gallipoli, e sarà solo nel 1560 che sarà posta dove è oggi.

La parete che volge verso sud è quella di particolare interesse, alta 5 metri presenta una serie di quattro cariatidi che dividono la facciata in tre settori e sostengono un architrave su cui si innalza un frontone decorativo. All’interno dei tre settori sono scolpite in bassorilievo tre scene raffiguranti episodi tratti dalla mitologia greca. Si narrano le storie di tre ninfe, Dirce, Salmace e Biblide, le quali in qualche modo sono coinvolte e travolte dalle passioni, Dirce dalla gelosia, Biblide dall’amore per il fratello e Salmace che invece ama talmente Ermafrodito che i due saranno trasformati in un unica persona.

E’ evidente l’impianto rinascimentale della raffigurazione anche nelle citazioni erudite che sono sottolineate dai tre bassorilievi.

La facciata posteriore della fontana è stata realizzata solo in epoca successiva, intorno alla metà del 1700, e porta incisi lo stemma della città di Gallipoli e le insegne di Carlo III di Borbone. In basso un abbeveratoio dove anticamente venivano portati a bere gli animali.

Dopo aver visitato il centro storico di Gallipoli con la sua storia non dimenticate di fare una capatina in una delle più belle spiagge della puglia Baia Verde a Gallipoli. Buone Vacanze!

Il porto di Gallipoli

Tra le località costiere che si affacciano sul Mar Ionio in Puglia e che fervono di attività portuale se escludiamo il grande centro industriale e mercantile di Taranto troviamo Gallipoli nel Salento.

Il castello ed il porto a Gallipoli

Sin dall’antichità Gallipoli era il punto di partenza e di arrivo di un cospicuo numero di imbarcazioni da carico, e sulle attività commerciali e di comunicazione Gallipoli ha basato tanto della sua attività economica e del suo sviluppo civile.

Dall’epoca della dominazione di Roma, una volta conquistata Gallipoli e Taranto che le avevano opposto un’orgogliosa e tenace resistenza, Gallipoli sarà la base commerciale per l’esportazione verso il nord dei maggiori prodotti dell’economia pugliese, vino ed olio su tutti. L’attività del porto decadrà con la distruzione della della città durante l’epoca delle invasioni barbariche, e tornerà a conoscere un nuovo fondamentale sviluppo con l’arrivo dei bizantini prima, dei veneziani e degli aragonesi poi che attueranno profondi miglioramenti strutturali facendo diventare il porto di Gallipoli uno dei più importanti della costa.

A Gallipoli ci sono essenzialmente due porti, il Porto Mercantile, dall’ampio sviluppo che si distende accanto alle mura della città vecchia ed il Porto Antico, sito nel tratto di mare compreso tra il bastione del Rivellino sull’isola dove si trova il borgo vecchio e la terraferma, all’altezza della Fontana Greco Romana.

Il Porto Antico è anche chiamato Porto Peschereccio, ed è qui che ferve l’attività instancabile ed antica dei pescatori particolarmente vivace in questo tratto di costa. Ogni mattina sui moli del porto vecchio si riversano i preziosi prodotti pescati in mare, il pesce azzurro, le aragoste, i polipi, ed i pesci dalle carni prelibate che trionfano nelle tavole dei buongustai, orate, spigole, branzini, pesce spada.

A poca distanza dal Porto Antico si trova l’importante mercato del pesce di Gallipoli, che ogni mattina molto presto inizia la sua attività ed in cui è piacevole recarsi per vedere un tratto molto interessante della vita di Gallipoli, i pescatori che mettono all’asta i pezzi migliori, e che aprono davanti a voi ricci e conchiglie per farvene apprezzare la bontà e la freschezza.

Negli ultimi decenni il porto sta sviluppando anche ottima capacità ricettive per quanto riguarda le imbarcazioni da diporto e turistiche.

Puglia Gallipoli

Trascorrere una Vacanza in Puglia significa recarsi in una delle regioni italiane più ricche di fascino e di storia, di tesori naturali e di splendide città d’arte, di paesaggi rurali di indubbia suggestione e bellezza e di una cucina ricca e saporita, della vitalità e simpatia delle popolazioni locali e degli usi e costumi che intatti si tramandano nel tempo.

Suggestive coste del Salento in Puglia

Se siete semplicemente in cerca di svago, di mare e di sole, i litorali pugliesi sono quanto di meglio possiate offrirvi, dal Promontorio del Gargano, e dalle splendide Isole Tremiti dirigendosi verso sud, fino a Santa Maria di Leuca, passando per Bari, Brindisi, Otranto, e poi sulla costa ionica, passando per Torre Vado, Gallipoli fino a raggiungere Taranto, è tutto un susseguirsi di bei litorali, sia che si cerchino immense distese di spiaggia dorata, sia che si preferiscano le scogliere rocciose ed i loro meravigliosi fondali ricchi di pesci e di fauna marina.

Se amate soffermarvi sulle opere artistiche ed architettoniche, la Puglia ha da offrirvi numerose attrattive con i suoi incantevoli monumenti, le belle chiese barocche di Lecce, il magico ed imponente Castel del Monte, le belle cittadine dalla storia millenaria della Grecia Salentina, il borgo medievale di Otranto ed il suo Castello, le torri medievali che si ergono solitarie lungo la costa, il suggestivo paese di Alberobello con i suoi singolari edifici, i trulli.

E se amate la natura vi perderete sicuramente tra i parchi naturali pugliesi, dalla Foresta Umbra nel Gargano a Porto Selvaggio sulla costa salentina, all’Area Protetta dei Laghi Alimini nelle vicinanze di Otranto.

E poi le feste popolari, le sagre, le processioni testimonianza delle profonda devozione e religiosità dei pugliesi che si svolgono in tutti i mesi dell’anno, ed hanno il loro massimo splendore nelle celebrazioni della pasqua, del natale e nelle feste dedicate al santo patrono.

Tra le località dove potreste stabilire la vostra base per cominciare ad ammirare tutta questa bellezza potreste scegliere Gallipoli, sulla costa ionica del Salento. Vi troverete in un luogo incantevole, dove le attrattive faranno a gara per accaparrarsi un posto nel vostro cuore, dal magnifico mare e le dolci spiagge all’incantevole centro storico ricco di splendide chiese e palazzi barocchi, ai dintorni affascinanti per chi ama la natura ed i paesaggi incontaminati.

Mare di Gallipoli

La descrizione della bellezza del mare di puglia che si affaccia sulla costa all’altezza della splendida cittadina di Gallipoli non è in grado di esprimere il fascino e le emozioni di quanto potrete vedere di persona quando vi recherete in questa splendida cittadina durante le vostre vacanze in Salento.

Spiaggia, macchia mediterranea e mare a Gallipoli

Il mare che si estende nel golfo che da Torre Pizzo raggiunge Gallipoli si affaccia limpido e cristallino sulla costa sabbiosa che si estende ininterrotta tra le due località. Appena passata Gallipoli e la sua punta che si spinge nel mare si presenta una altro litorale caratterizzato da belle e lunghe spiagge di sabbia dorata, fino a Santa Maria al Bagno, dove alla sabbia si sostituiscono basse scogliere tra le quali si aprono bellissime insenature da sogno. Spingendosi ancora più verso nord, a Porto Selvaggio anche qui la baia è prevalentemente rocciosa, ed è tale la sua bellezza che in tantissimi vi si recano nonostante la lunga camminata tra i boschi e la pineta necessarie per raggiungere questo angolo di paradiso.

Famoso per la sua limpidezza il mare di Gallipoli è uno splendore. Appena a ridosso della città vecchia, percorrendo in discesa un vicolo che costeggia le mura troverete una delle spiagge più frequentate dai gallipolini, il Seno della Purità. Non è una spiaggia tanto grande ma è assolutamente affascinante per i bellissimi scorci che offre della città vecchia e del mare circostante.

Fuori dalla città verso nord troviamo Rivabella, la cui costa sabbiosa e circondata a tratti da una folta pineta si estende per più di un chilometro tra spiaggia libera e tratti in cui vi sono alcuni stabilimenti balneari dotati di tutte le comodità. Poco oltre Lido Conchiglie, dove nelle aree di costa sabbiose si sono insediati diversi stabilimenti balneari, mentre le parti di costa rocciosa sono liberi. Questo tratto di mare è particolarmente amato dai sub, e sono diversi i diving centre della zona che vi possono portare in barca al largo di Gallipoli per ammirare gli splendidi fondali sottomarini, soprattutto dirigendosi a nord verso Santa Caterina.

Verso sud di Gallipoli le spiagge più famose per bellezza ed estensione, a partire da Baia Verde, che deve il suo nome alla particolare colorazione che i raggi del sole danno alle acque di questa baia, un intenso verde smeraldo.

Gallipoli calcio

Il calcio si sa è una passione tutta italiana. Da quando alla fine del 1800 nascevano le prime squadre che giocavano questo nuovo sport importato dall’Inghilterra ne è passato molto di tempo ed oggi il calcio rappresenta per gli italiani il più seguito degli sport nazionali, subissando per numero di tifosi ed appassionati tutti gli altri sport.

Spiaggia a Gallipoli

Tutte le città ed i paesi grandi e piccoli hanno almeno una squadra di calcio che rappresenta i colori del paese nelle varie categorie di campionato, dalla Promozione alla Serie A, puntando, naturalmente a salire sempre più in alto.

La Puglia possiede alcune squadre che per anni hanno militato in Serie A, come il Foggia, il Lecce, sebbene senza mai riuscire ad arrivare ai vertici delle classifiche.

Anche Gallipoli possiede una squadra di calcio che in questi ultimi anni sta conoscendo un discreto successo ed ha scalato le categorie, dalla Promozione in Serie D per arrivare quest’anno nel girone B della serie C attualmente ribattezzata Lega Pro, e si scontra con squadre di grosso calibro come il Perugia, il Crotone, il Pescara, Arezzo e Pistoiese che hanno un passato di tutto rispetto ed anche dei passaggi nel campionato di massima divisione.

I colori sociali del Gallipoli Calcio sono il giallo ed il rosso, e la maglia è a righe verticali con i due colori su pantaloncini gialli e calzettoni rossi. Anche lo stemma riprende i due colori con in primo piano il gallo che è anche il simbolo della città e la stessa scritta che compare nello stemma cittadino, “fideliter excubat”. Le partite giocate in casa vengono disputate nello Stadio Antonio Bianco, ex Stadio Comunale Lido San Giovanni che è anche l’unico stadio cittadino, oggi in grado di ospitare fino a 6000 tifosi grazie ad una serie di interventi volti all’ampliamento degli spalti per ospitare i tifosi che, da quando la squadra miete successi e sale di categoria, sono diventati sempre più numerosi ed appassionati.

La speranza di tifosi e squadra è quella di riuscire a raggiungere se non quest’anno certamente in un prossimo futuro la Serie B, un successo che la squadra meriterebbe per il grande impegno che ha messo in campo in questi anni. Su internet potete trovare diversi siti che seguono con passione le vicende del Gallipoli Calcio, ed alcuni blog di tifosi decisamente appassionati.

Gallipoli

Gallipoli è una cittadina particolarmente bella e suggestiva affacciata sul Golfo di Taranto, a mezza strada tra Santa Maria di Leuca e Taranto nella provincia di Lecce.

Veduta del Castello

La sua economia, essenzialmente fondata sul commercio e l’esportazione dei prodotti agricoli, si è molto trasformata negli ultimi venti anni a causa del sostanzioso sviluppo dell’industria turistica, che nelle belle spiagge che costeggiano il litorale costiero intorno a Gallipoli ha investito notevolmente. Tale sforzo promozionale ha fatto si che sia aumentato considerevolmente il numero di turisti e visitatori che ogni anno si riversano in gran numero nelle nuove aree urbanizzate e nelle strutture turistiche nel centro storico e nei nuovi quartieri sorti intorno al nucleo originario.

La storia di Gallipoli è strettamente legata alle vicende della lotta tra la colonia di Taranto e Roma, che dopo alterne vicende ed una lunga e tenace resistenza si concluderà con la capitolazione di Taranto. Tuta l’area che gravitava intorno ad essa diventerà provincia romana. Conoscerà, alla caduta dell’impero romano le scorrerie dei barbari, e la decadenza sociale ed economica da cui si risolleverà nel tardo medioevo. Da allora il suo sviluppo e la sua crescita non avranno più gravi crisi, e la città ritroverà il suo ruolo commerciale e strategico.

Tra le località dove recarsi in vacanza in Puglia, Gallipoli è una delle mete ideali, ricca com’è sia di belle attrattive architettoniche e di una vivace vita sociale che di belle spiagge e di interessanti tratti di costa.

Di notevole bellezza e amatissimo dai visitatori il litorale che si estende a sud della città, caratterizzato da una costa bassa e sabbiosa, con alcune delle spiagge più interessanti della costa del Salento, Baia Verde, Punta della Suina, Lido San Giovanni. E’ in quest’area che si è particolarmente sviluppato l’inurbamento delle case vacanza a Gallipoli, residence ed alberghi, appena dietro la linea di pineta e macchia mediterranea che costeggia la spiaggia.

Anche dirigendosi verso nord si trovano interessanti e suggestive località, Rivabella, Lido Conchiglie.

Se le spiagge sono magnifiche non meno lo è il centro storico, sviluppatosi su un isola collegata alla terraferma da un ponte in muratura. All’interno del borgo vecchio, nelle strette vie che lo caratterizzano si trovano importanti chiese seicentesche e barocche tra le quali la Cattedrale dedicata a Sant’Agata, la Chiesa di Santa Maria della Purità, la Chiesa del Crocifisso e Santa Maria degli Angeli. Le alte mura che circondano il centro cittadino terminano nell’imponente Castello Angioino costruito all’ingresso della città vecchia per difesa dell’abitato. Vicino al ponte che congiunge la terraferma alla città vecchia da ammirare la Fontana Greco-Romana con le sue cariatidi ed i bassorilievi con scene tratte dalla mitologia Greca.