Il mercato del pesce a Gallipoli

Il mare pugliese è rinomato non solo per il bellissimo litorale, quasi 800 chilometri di costa, in cui si inseguono senza sosta spiagge incantevoli e lunghissime di sabbia dorata o bianchissima ed alte scogliere a picco sul mare che nascondono insenature di favolosa bellezza.

Il mare della Puglia è infatti anche pescosissimo, ed ogni giorno i pescatori approdano nei porti delle grandi e piccole cittadine della costa rovesciando sul molo il loro prezioso carico di pesce.

pescatori in Puglia al tramonto
pescatori in Puglia al tramonto

Pesce azzurro, orate e branzini, cernie e pesce spada, tonno, polipi ed aragoste, la varietà infinita di specie e qualità trionfa dopo che sul molo nei mercati cittadini, una vera festa di pesci argentati o dai colori accesi.

Non solo i pesci, sono famosi e conosciuti anche i molluschi, tra i quali trionfano le cozze e le ostriche che proprio nel Golfo di Taranto vengono allevate sfruttando le sorgenti di acqua dolce che sgorgano direttamente nel mare. L’acqua dolce è molto importante per dare ai molluschi un particolare e prelibato gusto. Le cozze e le ostriche di Taranto sono particolarmente rinomate e la loro fama supera di gran lunga i confini regionali.

Per chi non ha l’occasione di trovarsi nel porto quando arrivano i pescatori, e dove è possibile acquistare i pesci direttamente sulla banchina resta la possibilità di recarsi nei tanti mercati di pesce che ogni giorno aprono le loro porte in tutta la Puglia.

Il mercato del pesce di Gallipoli è una vera delizia per gli intenditori e gli appassionati di pesce. Ogni mattina, molto presto, già dall’alba, decine di banchi si aprono per accogliere i grossisti e ristoratori ma anche i visitatori ed i turisti che accorrono nella grande piazza della Dogana, accanto al ponte da cui si raggiunge la città vecchia, vicino alla Fontana Greco Romana.

Tra le tante cose da ammirare, la suggestiva asta del pesce, con la quale tra urla e schiamazzi vengono battuti i pezzi migliori a chi offre di più.

Qui il pesce è freschissimo, ed i pescatori non esitano ad offrire a chi passa davanti ai loro banchi i molluschi aperti con il coltello, cozze, fasolari, ostriche, affinchè se ne possano provare la prelibatezza e la freschezza.

Baia Verde Gallipoli

Lo splendido litorale di Gallipoli è particolarmente noto per le sue belle ed interminabili spiagge che si estendono sia verso nord in direzioni di Taranto e verso sud, dove il litorale sabbioso continua fino a Torre del Pizzo dopo la quale la costa ridiventa movimentata da ampi tratti scoglieri.

La splendida acqua di Baia Verde
La splendida acqua di Baia Verde

Le più frequentate tra le spiagge di Gallipoli sono sicuramente quelle a ridosso di Lido San Giovanni, alle cui spalle negli ultimi anni si è sviluppato un intera area residenziale, e le cui spiagge sono caratterizzate da sabbia fine e dorata che si immergono dolcemente nel mare limpido e cristallino.

Poco più oltre la località forse più conosciuta del litorale di Gallipoli: Baia Verde.

Fantastica, questo è forse l’aggettivo che meglio può descrivere questo tratto di mare situato a pochi chilometri dal centro cittadino di Gallipoli, e meta privilegiata non solo dei tanti visitatori e turisti stranieri ma anche dagli abitanti della cittadina che amano recarsi a Baia Verde per la purezza delle sue acque ed il candore delle spiagge.

La baia deve il suo nome proprio ai riflessi intensamente verde che i raggi del sole creano fondendosi con l’acqua del mare. Grazie alla sua celebrità non mancano tratti di spiaggia organizzata, in cui chi cerca in spiaggia la comodità non avrà di che lamentarsi, sdraio, ombrelloni, diverse strutture presso cui noleggiare windsurf, organizzare uscite con gli sci d’acqua, o trovare la attrezzature per le immersioni, ed in più una serie di bar e punti ristoro, sia direttamente sul lungomare sia all’ombra della grande pineta che circonda la baia, dove sostare per uno spuntino nelle ora più calde della giornata o la sera, quando i locali si trasformano in deliziose discoteche a cielo aperto, dove si sorseggia un aperitivo godendosi il magnifico tramonto del sole infuocato che scende all’orizzonte nel mare.

Per chi cerca invece pace e solitudine non mancano tratti di spiaggia libera, meno frequentati ed incontaminati.

Nell’interno, alle spalle di Baia Verde, si possono trovare molte strutture alberghiere e residenziali, che offrono ottime opportunità di pernottamento, con il vantaggio di essere a pochi passi dal mare ed a pochi chilometri dal centro storico di Gallipoli.

Gallipoli Italia

Tra le stupende località che fanno famosa l’Italia presso i turisti di tutto il mondo, oltre allo splendore delle città d’arte, Firenze, Venezia, Roma, Napoli, Palermo, non mancano sia i bellissimi panorami di montagna sulle Alpi che si alzano al nord, Dal Piemonte al Trentino al Friuli Venezia Giulia che le interminabili coste che circondano tutta la penisola, dalla Liguria alla Toscana, dal litorale romagnolo alla Puglia alla Calabria, per non parlare dello splendore delle coste siciliane e delle spiagge della Sardegna.

Lungomare a Gallipoli
Lungomare a Gallipoli

E tra le località che si sono conquistate negli ultimi anni un posto di riguardo nel cuore dei visitatori non manca il Salento, la dolce terra che si estende nella parte sud della Puglia, tra le pendici dell’altopiano delle Murge fino alle basse colline delle Serre Salentine ed alle alte scogliere di Santa Maria di Leuca.

Una terra fino a pochi decenni fa sconosciuta ai più, dove agricoltura ed allevamento erano le principali risorse economiche, ma che ha saputo proporre con grazia e costanza anche la sua vocazione turistica. Tale sforzo è stato riconosciuto e premiato soprattutto a partire dagli anni ’70 quando le prime agenzie turistiche e le prime strutture alberghiere hanno cominciato a svilupparsi nella zona.

Gallipoli è stata al centro di questo rinnovato interesse ed oggi è tra le cittadine del Salento una di quelle che conta il maggior numero di visitatori, attratti sia dalle bellezze del suggestivo centro storico, sia dalla bellezza della costa. Il centro cittadino, arroccato su un isolotto e cinto da imponenti mura di fortificazione, possiede una serie di monumenti di alto valore artistico, soprattutto le chiese, stupefacenti esempi di architettura barocca, tra queste la Cattedrale di Sant’Agata e la Chiesa di San Francesco da Paola, la Chiesa di Santa Maria della Purità, dai pavimenti in maiolica, e la Chiesa di Santa Maria degli Angeli con il suo frontale decorato di maioliche dipinte. Da non perdere anche l’imponente Castello Angioino che svetta a difesa del borgo antico.

Che la costa sia bellissima lo testimoniano le migliaia di turisti che vi si recano ogni anno, e che si riversano sullo splendido lungomare, da Lido Conchiglie a Rivabella, dalla Spiaggia della Purità a Lido San Giovanni alla famosa e magica Baia Verde.

La fontana greco romana

Sono proprio tante le attrattive di Gallipoli, come le splendide chiese barocche che si ergono nel centro storico, tra le quali spiccano per bellezza la Cattedrale dedicata a Sant’Agata e le belle chiese come la Chiesa della Madonna della Purità e la Chiesa degli Angeli, testimonianze dell’eleganza e dell’armonia del cosiddetto barocco pugliese.

Oppure il maestoso Castello Angioino che sorge di fronte all’unico accesso al borgo vecchio, il ponte di Gallipoli che collega il borgo alla terraferma.

Fontana greco romana

Appena al di là del ponte che una volta era di eccezionale importanza per la difesa della cittadina dagli attacchi e dalle scorrerie di saraceni e pirati si trova un altro monumento di particolare bellezza e che è visitato da tutti quelli che si recano ad ammirare Gallipoli, la Fontana Greco Romana.

In origine si pensava che tale monumento fosse di origine antichissima, che fosse addirittura opera di misteriosi artisti ed addirittura le più antica d’Italia, risalente al III secolo Avanti Cristo.

In seguito, grazie ad una serie di studi approfonditi si è riusciti ad identificare nel rinascimento l’epoca in cui la fontana fu realizzata.

Anticamente la fontana era edificata in un altro luogo di Gallipoli, e sarà solo nel 1560 che sarà posta dove è oggi.

La parete che volge verso sud è quella di particolare interesse, alta 5 metri presenta una serie di quattro cariatidi che dividono la facciata in tre settori e sostengono un architrave su cui si innalza un frontone decorativo. All’interno dei tre settori sono scolpite in bassorilievo tre scene raffiguranti episodi tratti dalla mitologia greca. Si narrano le storie di tre ninfe, Dirce, Salmace e Biblide, le quali in qualche modo sono coinvolte e travolte dalle passioni, Dirce dalla gelosia, Biblide dall’amore per il fratello e Salmace che invece ama talmente Ermafrodito che i due saranno trasformati in un unica persona.

E’ evidente l’impianto rinascimentale della raffigurazione anche nelle citazioni erudite che sono sottolineate dai tre bassorilievi.

La facciata posteriore della fontana è stata realizzata solo in epoca successiva, intorno alla metà del 1700, e porta incisi lo stemma della città di Gallipoli e le insegne di Carlo III di Borbone. In basso un abbeveratoio dove anticamente venivano portati a bere gli animali.

Dopo aver visitato il centro storico di Gallipoli con la sua storia non dimenticate di fare una capatina in una delle più belle spiagge della puglia Baia Verde a Gallipoli. Buone Vacanze!

Il porto di Gallipoli

Tra le località costiere che si affacciano sul Mar Ionio in Puglia e che fervono di attività portuale se escludiamo il grande centro industriale e mercantile di Taranto troviamo Gallipoli nel Salento.

Il castello ed il porto a Gallipoli

Sin dall’antichità Gallipoli era il punto di partenza e di arrivo di un cospicuo numero di imbarcazioni da carico, e sulle attività commerciali e di comunicazione Gallipoli ha basato tanto della sua attività economica e del suo sviluppo civile.

Dall’epoca della dominazione di Roma, una volta conquistata Gallipoli e Taranto che le avevano opposto un’orgogliosa e tenace resistenza, Gallipoli sarà la base commerciale per l’esportazione verso il nord dei maggiori prodotti dell’economia pugliese, vino ed olio su tutti. L’attività del porto decadrà con la distruzione della della città durante l’epoca delle invasioni barbariche, e tornerà a conoscere un nuovo fondamentale sviluppo con l’arrivo dei bizantini prima, dei veneziani e degli aragonesi poi che attueranno profondi miglioramenti strutturali facendo diventare il porto di Gallipoli uno dei più importanti della costa.

A Gallipoli ci sono essenzialmente due porti, il Porto Mercantile, dall’ampio sviluppo che si distende accanto alle mura della città vecchia ed il Porto Antico, sito nel tratto di mare compreso tra il bastione del Rivellino sull’isola dove si trova il borgo vecchio e la terraferma, all’altezza della Fontana Greco Romana.

Il Porto Antico è anche chiamato Porto Peschereccio, ed è qui che ferve l’attività instancabile ed antica dei pescatori particolarmente vivace in questo tratto di costa. Ogni mattina sui moli del porto vecchio si riversano i preziosi prodotti pescati in mare, il pesce azzurro, le aragoste, i polipi, ed i pesci dalle carni prelibate che trionfano nelle tavole dei buongustai, orate, spigole, branzini, pesce spada.

A poca distanza dal Porto Antico si trova l’importante mercato del pesce di Gallipoli, che ogni mattina molto presto inizia la sua attività ed in cui è piacevole recarsi per vedere un tratto molto interessante della vita di Gallipoli, i pescatori che mettono all’asta i pezzi migliori, e che aprono davanti a voi ricci e conchiglie per farvene apprezzare la bontà e la freschezza.

Negli ultimi decenni il porto sta sviluppando anche ottima capacità ricettive per quanto riguarda le imbarcazioni da diporto e turistiche.

Gallipoli

Gallipoli è una cittadina particolarmente bella e suggestiva affacciata sul Golfo di Taranto, a mezza strada tra Santa Maria di Leuca e Taranto nella provincia di Lecce.

Veduta del Castello

La sua economia, essenzialmente fondata sul commercio e l’esportazione dei prodotti agricoli, si è molto trasformata negli ultimi venti anni a causa del sostanzioso sviluppo dell’industria turistica, che nelle belle spiagge che costeggiano il litorale costiero intorno a Gallipoli ha investito notevolmente. Tale sforzo promozionale ha fatto si che sia aumentato considerevolmente il numero di turisti e visitatori che ogni anno si riversano in gran numero nelle nuove aree urbanizzate e nelle strutture turistiche nel centro storico e nei nuovi quartieri sorti intorno al nucleo originario.

La storia di Gallipoli è strettamente legata alle vicende della lotta tra la colonia di Taranto e Roma, che dopo alterne vicende ed una lunga e tenace resistenza si concluderà con la capitolazione di Taranto. Tuta l’area che gravitava intorno ad essa diventerà provincia romana. Conoscerà, alla caduta dell’impero romano le scorrerie dei barbari, e la decadenza sociale ed economica da cui si risolleverà nel tardo medioevo. Da allora il suo sviluppo e la sua crescita non avranno più gravi crisi, e la città ritroverà il suo ruolo commerciale e strategico.

Tra le località dove recarsi in vacanza in Puglia, Gallipoli è una delle mete ideali, ricca com’è sia di belle attrattive architettoniche e di una vivace vita sociale che di belle spiagge e di interessanti tratti di costa.

Di notevole bellezza e amatissimo dai visitatori il litorale che si estende a sud della città, caratterizzato da una costa bassa e sabbiosa, con alcune delle spiagge più interessanti della costa del Salento, Baia Verde, Punta della Suina, Lido San Giovanni. E’ in quest’area che si è particolarmente sviluppato l’inurbamento delle case vacanza a Gallipoli, residence ed alberghi, appena dietro la linea di pineta e macchia mediterranea che costeggia la spiaggia.

Anche dirigendosi verso nord si trovano interessanti e suggestive località, Rivabella, Lido Conchiglie.

Se le spiagge sono magnifiche non meno lo è il centro storico, sviluppatosi su un isola collegata alla terraferma da un ponte in muratura. All’interno del borgo vecchio, nelle strette vie che lo caratterizzano si trovano importanti chiese seicentesche e barocche tra le quali la Cattedrale dedicata a Sant’Agata, la Chiesa di Santa Maria della Purità, la Chiesa del Crocifisso e Santa Maria degli Angeli. Le alte mura che circondano il centro cittadino terminano nell’imponente Castello Angioino costruito all’ingresso della città vecchia per difesa dell’abitato. Vicino al ponte che congiunge la terraferma alla città vecchia da ammirare la Fontana Greco-Romana con le sue cariatidi ed i bassorilievi con scene tratte dalla mitologia Greca.